Foto di marcoverch rilasciata sotto licenz acc - https://www.flickr.com/photos/149561324@N03/35062157373

Regione Veneto, MyPortal si fa in tre e mette al centro il cittadino

di Antonino Mola, responsabile Piani e programmi società dell’informazione Regione Veneto – Cantiere Cittadinanza digitale

La Regione del Veneto, nell’ambito delle azioni per promuovere la modernizzazione della Pubblica Amministrazione (PA), ha sviluppato e messo a disposizione diversi sistemi integrati quali: identità digitali (MyID – SPID); pagamenti (MyPay – PagoPA); servizi al cittadino e all’impresa (MyPortal – Italia Login); gestione della comunità (MyExtranet); sviluppo condiviso (SPAC); competenze digitali (e-Leadership); altre ancora.

La piattaforma MyPortal nella sua versione attuale (MYP2.5) è utilizzata gratuitamente da circa 130 Amministrazioni che erogano servizi al cittadino grazie ai sistemi centralizzati nel data center regionale. Altre 20 Amministrazioni circa utilizzano la stessa tecnologia in modalità riuso sw erogando il servizio da altri data center della PA. Lo sviluppo della piattaforma è garantito dalla comunità degli enti utilizzatori che condividono le esigenze di sviluppo, concertano le soluzioni, collaborano nella realizzazione dei sistemi. La comunità può contare su una piattaforma web (MyExtranet) per la gestione delle relazioni tra operatori e da un sistema di condivisione degli sviluppi del codice (SPAC).

Un nuovo paradigma: il cittadino al centro

Nel mese di settembre 2016 ha preso inizio il progetto per l’aggiornamento della piattaforma MyPortal. Il progetto denominato MyPortal 3 (MyP3) si propone di ribaltare radicalmente il punto di vista dell’erogazione dei servizi al cittadino passando da una visione ente-centrica (l’attuale portale dell’ente) ad una prospettiva che mette al centro il cittadino. Non sarà più quindi il cittadino a dover navigare una miriade di siti diversi ma sarà la PA a raggiungerlo in modalità proattiva mettendogli a disposizione i contenuti, le funzionalità e i servizi di cui ha bisogno.

MYPORTAL 3: un sistema composto da funzionalità applicative, piattaforma tecnologica, infrastruttura di servizi

Per abilitare questo paradigma è stato ideato il sistema MyPortal 3 che, in linea con il modello strategico di evoluzione dei sistemi informativi della PA delineato da AGID e dal Team Digitale, mette a disposizione di tutte le PA tecnologie e strumenti per la generazione e diffusione di servizi digitali. Lo sviluppo del sistema ha comportato la progettazione e realizzazione di 3 componenti: applicazioni web (MyPA, MyPortal, MyIntranet) erogate da una piattaforma tecnologica distribuita (MyPlace) messa a disposizione del territorio attraverso un’infrastruttura di servizi per l’erogazione del sistema (MyExtranet). Le funzionalità applicative, la piattaforma tecnologica, l’infrastruttura dei servizi al territorio costituiscono il sistema MyPortal 3. Il progetto di sviluppo si concluderà entro novembre di quest’anno mentre la fase di migrazione delle amministrazioni che utilizzano la versione MyP2.5 si concluderà a marzo 2018.

La centralità degli standard e del rapporto sinergico con le aziende ICT

Il sistema MyPortal 3 si basa in maniera fondamentale sull’interoperabilità con i sistemi informativi locali. Il colloquio tra il front end al cittadino con i prodotti applicativi forniti alla PA risulta infatti essenziale se si vuole disaccoppiare la complessità operativa del procedimento amministrativo per fornire al cittadino un’esperienza quanto più possibile semplice nei suoi rapporti con la PA.

Fondamentale in questa visione è la progressiva definizione di ontologie, semantiche, grammatiche che abilitino la gestione di cataloghi di standard della PA. Questi cataloghi costituiscono la base essenziale per la definizione di interfacce applicative standard di colloquio verso i sistemi informativi locali. E’ evidente che in questo modello risulta fondamentale costruire un rapporto sinergico con le Aziende ICT che forniscono i sistemi informativi alla PA.

Da un punto di vista funzionale sono state realizzate 3 componenti applicative separate: il fascicolo del cittadino (MyPA); il portale della città (MyPortal), il portale degli operatori (MyIntranet).

Il fascicolo del cittadino: MyPA

Il sistema è composto da un motore di ricerca progettato per indicizzare i contenuti e i servizi sia degli Enti partecipanti a MyPortal sia di altri Enti che, pur non utilizzando il sistema MyPortal 3, si rendessero disponibili a fornire al cittadino una visione integrata delle risorse della PA acconsentendo di indicizzare anche queste risorse.

Le funzionalità messe a disposizione da MyPA prevedono oltre ad una ricerca full text dei contenuti, una ricerca dei servizi erogati dai diversi enti piuttosto che un’esperienza di ricerca basata su una mappa con le risorse georeferenziate. L’esperienza si arricchisce se il cittadino si autenticata utilizzando o credenziali social o il sistema SPID. In questo caso potrà avere a disposizione un’area personale dove accedere al proprio fascicolo e poter disporre di:

  • un profilo personale dove indicare le preferenze nel dialogo con la PA (dati personali, documenti, interessi, sistemi di notifica, etc.)
  • una bacheca dove poter visualizzare le informazioni pubblicate dagli enti che il cittadino ha scelto come preferiti;
  • un archivio delle domande (istanze di procedimenti amministrativi) in corso o chiuse nei confronti delle diverse amministrazioni con le quali ha interagito;
  • il fascicolo dei pagamenti dove poter visualizzare gli avvisi o quanto già versato alle PA;
  • un sistema di notifiche e avvisi dove poter essere aggiornato delle interazioni con gli enti quali ad esempio lo stato di avanzamento delle pratiche o la notifica d provvedimenti;
  • uno scadenziario personale dove poter annotare o essere notificato di scadenze che lo riguardano;

Il portale della città: MyPortal

La ricerca del contenuto o del servizio desiderato da la possibilità al cittadino di essere reindirizzato sul sito dell’amministrazione (MyPortal) che ha prodotto il contenuto stesso o mette a disposizione il servizio. Il cittadino potrà così prendere visione del contenuto o essere informato delle caratteristiche o dei requisiti per richiedere il servizio richiesto. Nel caso in cui intendesse procedere con il servizio sarà reindirizzato sulla relativa form di richiesta istanza. È importante sottolineare che il sistema di gestione delle istanze è unico per tutte le amministrazioni che utilizzano il sistema MyPortal 3. Questo ha come diretta conseguenza la disponibilità di un catalogo comune delle istanze disponibile a tutte le PA. Di conseguenza, l’amministrazione che decidesse di fornire il servizio al proprio cittadino dovrà solo scegliere dal catalogo l’istanza desiderata e pubblicarla sul proprio portale (MyPortal o altro sistema). Risulta evidente come si possa in questo modo rendere disponibile un patrimonio di conoscenza e strumenti anche a quelle piccole amministrazione (nel Veneto 311 comuni sotto i 5 mila abitanti) con meno risorse e competenze da investire nei processi di modernizzazione.

Il portale degli operatori: MyIntranet

Una volta che il cittadino ha individuato il servizio di cui necessità e ha proceduto a presentare la richiesta alla PA, l’istanza viene notificata a MyIntranet. Ciascun Ente dispone di un proprio spazio applicativo dove poter configurare gli utenti e i ruoli che potranno avere accesso alle pratiche presentate dal cittadino. Un sistema di work flow management permette di associare ad ogni tipologia di pratiche uno specifico processo con gli step operativi previsti per quello specifico procedimento. L’integrazione tra il sistema MyP3 e le diverse soluzioni di protocollo informatico e gestione documentale permettono di integrare il processo con le necessarie operazioni di registrazione o redazione documentale.

Come nel caso del catalogo delle istanze è disponibile il catalogo dei procedimenti e degli atti ad esso associati. La gestione dei cataloghi in modalità condivisa permette di promuovere la definizione di processi standard a livello regionale pur mantenendo la possibilità di personalizzazioni che tengano conto anche delle complessità organizzative. Si abilità quindi la possibilità di condividere un importante patrimonio di conoscenze, esperienze, buone pratiche che permettono all’ente che volesse digitalizzare un servizio al cittadino di avere  a disposizione un catalogo e tecnologie immediatamente fungibili.

Il sistema MyP3 si propone come interfaccia standard verso tutte le forme di dialogo tra il cittadino e la PA. In questa direzione la componente di integrazione e di interoperabilità con altre piattaforme specializzate (vedi il fascicolo sanitario, sociale, dell’impresa, etc.) diventa una risorsa fondamentale per facilitare e arricchire attraverso un’unica interfaccia (MyPA) l’esperienza di accesso a questi sistemi da parte del cittadino. Non meno fondamentale la caratteristica di MyP3 progettato come punto centralizzato di incontro tra il cittadino e PA (e i loro sistemi informativi) e di conseguenza tra le diverse PA. Il sistema rappresenta quindi l’elemento abilitante la circolarità informativa all’interno e tra le diverse amministrazione evitando al cittadino di recarsi in diversi uffici per sopperire alla mancanza di dialogo della PA.

In sostanza, il sistema MyP3 realizzato da Regione del Veneto per offrire gratuitamente a tutte le amministrazioni del suo territorio una soluzione per la generazione e diffusione di servizi digitali, si propone di raggiungere principalmente i seguenti obiettivi:

  • semplificazione verso i cittadini,
  • facilitazione verso la PA,
  • economie di scala.

Il risultato atteso è il superamento del digital divide di servizio attraverso la disponibilità a tutti i cittadini di un livello essenziali di servizi (LEED) erogati da tutte le amministrazioni del Veneto.

 

 

Foto di marcoverch rilasciata sotto licenza cc – https://www.flickr.com/photos/149561324@N03/35062157373