Torna a Eventi FPA

Tavoli di lavoro

tavolo_sanitàI Cantieri della PA digitale operano attraverso tavoli di lavoro ristretti che si propongono di esaminare lo stato dell’arte dei singoli temi; gli ostacoli normativi, di risorse o di comportamenti che rendono problematico il cambiamento; le migliori esperienze italiane e straniere; gli scenari tecnologici più avanzati e le possibilità che questi possono aprire; le modalità di realizzazione dei progetti: dal procurement innovativo alle convenzioni, dalle partnership di innovazione ai dialoghi competitivi.

I PROTAGONISTI

Ciascun tavolo è composto da una platea ristretta di interlocutori qualificati, provenienti da contesti differenti, ciascuno con un proprio ruolo:

  • l’accademia e la ricerca, che disegnano gli scenari nazionali ed internazionali e indicano le prospettive e i trend;
  • le amministrazioni più smart, che propongono esperienze innovative di successo, nuovi modelli organizzativi, nuove forme di collaborazione tra le PA e tra queste e la componente privata;
  • le aziende di tecnologie e servizi avanzati, che presentano la frontiera della tecnologia: quel che già si può fare, ma che ancora non si fa, quel che altrove è stato sperimentato, ma non ancora in Italia, quel che ha avuto successo, ma non riesce a divenire sistema, quel che potrebbe permettere di “fare più con meno”, ma non è ancora riuscito a superare lo scoglio della effettiva implementazione;
  • le associazioni dei cittadini, che sono insieme i destinatari dell’azione pubblica e dei servizi che la PA offre, ma sono anche gli azionisti delle amministrazioni e, insieme, i protagonisti di un co-design dei servizi sempre più necessario in un’ottica di “Stato partner”.

I tavoli dei CantieriPA si riuniscono a porte chiuse in occasione di quattro incontri di lavoro collaborativo nel corso del 2016. Il coordinamento di ciascun tavolo è affidato a due figure di riferimento:

  • un owner, responsabile della conduzione e della facilitazione dei lavori
  • un advisor scientifico, proveniente dal mondo dell’accademia, cui spetta il compito di fornire ai membri del tavolo una visione sempre completa e aggiornata del contesto di riferimento, delineando i possibili scenari futuri.

GLI OBIETTIVI

Ciascuno tavolo si propone un duplice obiettivo:

  • la “mappatura” delle migliori esperienze, dei soggetti fisici ed istituzionali protagonisti, delle principali iniziative in corso e delle risorse che per esse sono disponibili. Si tratta quindi di tracciare una carta dell’esistente in modo da poter orientare le iniziative future, far emergere ostacoli e strumenti per superarli, proporre alleanze e collaborazioni, verificare le risorse disponibili e giudicarne la congruità con gli obiettivi, analizzare gli strumenti di procurement pubblico a disposizione e immaginarne l’uso più confacente ai risultati da raggiungere
  • le “raccomandazioni”: in un momento di costruzione delle regole, come quello attuale, e di profonde riforme di tutto il settore pubblico è essenziale poter contare sul consiglio e sul lavoro collaborativo dei protagonisti pubblici e privati. Le riunioni dei Cantieri porteranno a fine anno alla redazione di un documento di “advocacy” rivolto ai decisori politici, contenente le indicazioni puntuali di norme – o meglio, di linee guida – per togliere i sassolini che possono bloccare gli ingranaggi dell’effettiva execution dei processi di innovazione digitale della PA.

I tavoli dei CantieriPA avviati: